ZUCCA NELL'ARTE

di

Margherita Pignatel

Stiamo parlando di un frutto straordinario del mese di novembre, la zucca, protagonista di tante ricette, ma anche di storie, leggende e opere d'arte!

La zucca “Cucurbita” è arrivata in Europa dopo la scoperta del "Nuovo Mondo" con altri ortaggi; ebbe successo soprattutto tra i grandi aristocratici e poi a livello popolare. La zucca è facile da conservare, i suoi chicchi erano utili nella preparazione di medicine e si pensava che attirassero denaro. È bella e colorata, come una sfera, un serpente, un turbante orientale… Un frutto prodigioso.

Raffaello fu tra i primi a dipingere la zucca in arte, a Roma, a Villa Farnesina: in festoni e ghirlande, e nelle mani di Mercurio, protettore del commercio.

Verso la metà del XVI secolo, la zucca cominciò ad apparire nei dipinti fiamminghi dedicati ai mercati, spesso a contenuto sessuale poichè la zucca ricorda le forme del corpo femminile e della gravidanza.

Alla Pinacoteca di Brera di Milano si possono ammirare alcuni splendidi dipinti di Vincenzo Campi da Cremona in cui compare la zucca come quello de “La Fruttivendola” del 1580 dove si mostra una zucca tagliata con i semi in vista, posta in un cesto come un trofeo. Nonostante il titolo, la protagonista di questo dipinto non è la commessa, ma la simbolizzazione della Natura. Il messaggio è che tutti i frutti fanno parte della Creazione Divina. In questo dipinto sono rappresentate varietà di frutta e verdura di tutte le stagioni, in un modo impossibile da ottenere all'epoca in cui non c’erano serre. La Fruttivendola appartiene a un ciclo di allegorie dei quattro elementi e rappresenta l’allegoria della Terra. Nell'allegoria dell'acqua intitolata “La Pescivendola” la zucca è rappresentata in una situazione piuttosto bizzarra visto che viene rappresentata abbracciata dai tentacoli di un polpo. L'elemento maschile (il pesce) si fonde con il femminile (la zucca) e la presenza di un bambino nel dipinto sottolinea l'idea di fecondazione.

Nello stesso periodo un altro famoso pittore milanese, Giuseppe Arcimboldo, realizza ritratti attraverso l'accostamento di elementi naturali. La zucca compare nel ritratto dell'imperatore Rodolfo II di Praga dove si trova al posto del torace, sede del cuore.

Molto prima della scoperta dell'America conoscevamo in Europa e in Asia solo una varietà di zucca la "Lagenaria", piccola e a forma di fiaschetta. Apparteneva al mondo delle popolo, operai e pellegrini, che già in epoca romana ne mangiavano la polpa e usavano la corteccia per creare piccole bottiglie, leggere e impermeabili, contenitori perfetti per l'acqua o per il sale, oppure ne facevano lanterne o porta candele.

Fiasche di questo tipo, attaccate a canne o cinture di pellegrini, compaiono in numerosi dipinti nell'iconografia di San Rocco e San Giacomo. Questi due santi, legati ai pellegrini,  ci riportano nella zona di Pavia e alla bellissima chiesa di San Giacomo della Cerretta che si trova nei pressi di Belgioioso proprio  lungo la Via Francigena: possiamo immaginare i tanti pellegrini passati di qui, probabilmente anche loro con una fiaschetta ricavata da una zucca!

Dopo aver parlato tanto di arte, ricordiamo che la cucina del nord Italia utilizza la zucca in diverse ricette: dai “cappellacci” ferraresi agli gnocchi di zucca mantovani, dal purè di zucca, alternativo al classico di patate, al tipico risotto alla zucca che troviamo sia nel milanese che nel pavese e così, in questa stagione, le zucche non danno colore solo a celebri dipinti ma anche alle nostre tavole!

Autrice

Margherita Pignatel

I have been a Certified Tourist Guide in Pavia for 20 years, where I started this exciting profession. Right here, in fact, thanks to the ancient and prestigious University where I studied Art History, I understood that I could combine my interest in foreign languages with that for the history of art and especially for the Middle Ages. In addition to Pavia I am also an Official Guide in Milan, Lodi, Como and Monza.
Leggi di più

Previous

«

Tags:

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tourist guides Pavia

Tourist guides and guided visits Pavia, Charterhouse of Pavia, Milan and Como. Experience and in-depth knowledge of the area always told in an interesting, brilliant and curious way.

Latest Posts

Friends Sites

guideinbologna.it
Are you planning a weekend in Emilia Romagna? Are you already here and want to deepen your visit? Maybe you've already been to Bologna and want to discover secret corners of the city?
guiderome.com
It is a network of official French-speaking guides, you can find us everywhere from north to south from Treviso to Syracuse. We are all female guides, each one takes care of her city, each with her email and cell phone number, therefore, contact is direct.
yourguideinsicily.com
Tita Giliberto is a qualified tour guide who works with love and passion in the territory of splendid Sicily.
sardaignedesilvia.it
Ti do il benvenuto sul mio sito, che ho creato per presentare al meglio la Sardegna, un'isola molto grande e ricca della storia del Mar Mediterraneo, dove vivo e lavoro come guida turistica.
vetrateartistichemanu.it
Artistic windows, decorations, restorations and leaded windows - The fact that the technique is ancient does not prevent the creation of even very modern windows
cacciatoripescatori.it
A stone's throw from the Certosa di Pavia, the Cacciatori Pescatori restaurant offers a menu for every palate... A point of reference in the countryside between Milan and Pavia
guideturistichelagomaggiore.com
From the splendor of the Borromeo Islands to the suggestion of the Castles of Cannero, by relying on Valeria Elia, you can count on concrete help in organizing your trip.
guideverona.net
Visit Verona accompanied by an authorized guide who, beyond the competence, transmits you emotions of a bygone time, introduces you to the flavors and moods of a romantic, lively and dynamic city at the same time.
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram